Skip to main content

IL GRANDE FRATELLO (Americano) Lacrime e sangue

 

Filippo Tommaso Marinetti, autore del famoso Manifesto del Futurismo, tra le altre cose affermava che la guerra è la sola igiene del mondo. E’ sicuramente una affermazione aberrante per noi occidentali moderni che, almeno in teoria, abbiamo un gran rispetto per la vita umana, ancorché costretti a subire qualche strage donataci qua e là da agenti del terrore di varia provenienza, che della vita umana non hanno la nostra stessa opinione.

L’affermazione di Marinetti si riferiva sia alla guerra come catarsi, come radicale rinnovamento della società per ricominciare in altri termini il percorso umano, sia alla guerra come mezzo per contenere la popolazione umana in proporzione alle risorse disponibili, che non sono infinite, se ne teme l’esaurimento. Si ritiene che il benessere e la mancanza di guerre fanno sì che la popolazione mondiale cresca in continuazione minacciando la sua stessa sopravvivenza.  

 Io credo che la tecnologia e la scienza, se non la politica, sono capaci di trovare soluzioni, piuttosto sospetto che la fame nel mondo sia la giustificazione per politiche epocali di trasformazione dell’assetto politico-istituzionale mondiale. La teoria di Marinetti, in chiave moderna, sembra trovare applicazione da parte dei poteri forti di oggi, sia come catarsi per ricominciare in altri termini il percorso umano, sia come mezzo per ridurre la popolazione mondiale. 

Di quali poteri parliamo? Parliamo dei cosiddetti poteri pluto-giudaico-massonici che non hanno mai smesso di lavorare al loro progetto di governo mondiale, che negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, soprattutto in Italia grazie all’Europa che nel tempo ha tolto sovranità al nostro Paese. I poteri plutocratici, cioè finanza e banche, hanno messo le mani sulla politica che non decide più nulla che non sia voluto dalle banche e dalla finanza. Il loro più grande successo è l’euro (€) una moneta appartenente alle banche, è privata, e viene venduta agli stati che sono costretti a comprarla per le loro esigenze. Essa non è garantita dallo Stato, che infatti non può stamparne per il proprio bisogno ma la deve comprare dai detentori della moneta, indebitandosi. L’euro è uno strumento di usura attraverso il quale il debito italiano non può che aumentare, con la complicità della politica dell’austerità che impedisce la crescita economica.

L’impoverimento dei cittadini italiani conseguente è necessario per mantenere basse le aspettative, accontentarsi, rassegnarsi, assuefarsi ad una condizione di bisogno che fa passare in secondo piano i diritti, per i quali, sulla base dell’emergenza creata, se ne giustifica la riduzione. Le società avanzate della vecchia Europa sono troppo consapevoli dei loro diritti e ciò costituisce un ostacolo, occorre destrutturarne l’organizzazione statale perché nel giorno del Grande Caos che sta per arrivare i cittadini non possano reagire.

In Italia questo processo di destrutturazione dello Stato e della società è molto avanti, con leggi dannose e sbagliate. Si sfibra il tessuto sociale con la distruzione di valori, si portano le famiglie alla disperazione. Si riducono le forme di democrazia elettiva, si sono abolite le Province, le quali oggi non garantiscono più servizi mentre la loro spesa è aumentata, sulla base dello stesso principio si voleva abolire il Senato, si ventila l’abolizione delle Prefetture, indispensabile organo di collegamento tra il Governo e il territorio; di fronte a grandi pericoli interni ed esterni si riducono le Forze Armate a numeri ridicoli, si accorpano in un unico calderone le forze di Polizia (per ora i Forestali nei Carabinieri, tra poco gli stessi Carabinieri saranno sottomessi alla Polizia di Stato perché tutti obbediscano ad un unico potere e non abbiano  alcuna autonomia operativa. Non parliamo delle leggi sempre più garantiste che tolgono potere ed autorità ai sindaci, ai prefetti, alla polizia, che non riescono a garantire la sicurezza dei cittadini spingendoci verso la legge del più forte, la legge della giungla. Le garanzie sanitarie invece vengono ridotte ottenendo una maggiore mortalità tra gli anziani poveri che non possono curarsi.  Vogliamo parlare dei vaccini insicuri? La loro obbligatorietà è stata decisa alla Casa Bianca nel 2014 (vedi Fusaro). O delle scie chimiche? Senza parlare delle teorie gender che distruggendo la famiglia riducono la procreazione.

L’invasione di immigrati, una vera deportazione, costretti a trasferirsi nel nostro paese dalle politiche destabilizzanti pianificate e attuate in mezza Africa, completa il quadro del progetto di schiavizzazione degli italiani e degli europei. L’arrivo di milioni, ormai, di immigrati serve a cambiare profondamente la struttura sociale tra razze, lingue, culture diverse che formeranno una nuova società che non avrà tradizione, non avrà cultura, non avrà storia, non avrà identità, non avrà coscienza di classe e nulla da rivendicare, non avrà nulla da difendere, preoccupata solo della sopravvivenza. Schiavizzata e remissiva alla volontà del Grande Fratello (americano). Questo processo non può essere indolore. Si sta preparando il Caos.

Un caos che porterà alle conseguenze estreme che Marinetti si augurava con la guerra e che servirà non solo a ridurre la popolazione mondiale, quanto all’affermazione del governo mondiale giudaico-massone-plutocratico, il Grande Fratello (americano) che ci renderà tutti schiavi. Piangeremo lacrime e sangue.

 

Settembre 2017

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione