Skip to main content

Storia e Storie

L’ANATEMA di san Giovanni da Matera contro i ginosini

Inserito in
...li buttavani petre per llo che (ecco la maledizione di san Giovanni da Matera) pregò Idio che li Citatini naturali di Ila fussera sempre poveri et li forastieri quali fussera andati ad abitarci fussera arrichiti.

La Ferula di Sant'Antonio Abate

Inserito in
E’ una pianta bellissima, cresce alta e snella, un grande fiore ad ombrello fatto da una miriade di fiori gialli che rallegrano la nostra primavera, il suo tronco ha un midollo spugnoso che...

U' SCAPULATRIEMMELE

Inserito in
Nicola Quattrocchi era conosciuto da tutti per quello che era: nu scapulatriémele. Furbo, profittatore, imbroglione, infedele, inaffidabile, se poteva dare una fregatura la dava, difficilmente manteneva un impegno o una promessa, era insomma nu scapulatriémmele.

I FUMAIOLI SPENTI

Inserito in
Il giorno della festa grande di un giorno che non so, sindaco don Mattia Sangiorgio ...

LARGA LA BOCCA REZZI I CAPELLI

Inserito in
Chi se l’immaginava che qualche decennio dopo ci sarebbero stati neri che avrebbero parlato il dialetto ginosino! (2020)

COME PINOCCHIO

Inserito in
... Ogni tanto si piegava a raccogliere qualcosa dalla terra, un frutto sevatico,dò spinapùdece,dò scèscele...

TRE dì vè u ciùccie attùrne

Inserito in
La gogna rimase in uso per molto tempo dopo la sua abolizione come pena accessoria, poi al posto dei ceppi...

CRONISTI e SCRITTORI della dominazione normanna in Puglia e Sicilia

Inserito in
Ebbe con sé Ruggiero un certo Eunuco di nome Filippo, il quale per la probità de’ suoi servigi eragli sovrammodo grato e accetto; e perché nel trattar le sue faccende lo avea sperimentato fedele nonché abile esecutore de’ suoi negozi, lo prepose a tutti quelli della Corte e dell’intera casa fecelo Maestro...

LA ZITA (1) - La Zita D'angelo (2)

Inserito in
La prima notte di nozze di una coppia di ginosini...

AGLIO FRAVAGLIO: magia, credenze, superstizioni a Ginosa

Inserito in
L'affascino scaccia il malocchio o la fattura. Le superstizioni sono proprie degli ambienti arretrati come quelli dei nostri avi. Noi siamo moderni e tecnologici, non ci facciamo influenzare. O no?
Condividi contenuti